Se il sito ufficiale di Worpress.org pone al primo posto Bluehost tra gli hosting provider raccomandati per poter installare la propria piattaforma ci sarà un motivo… Non ci resta che scoprire i pregi e difetti di Bluehost in questa recensione. Diciamo subito che in effetti è in grado di offrire prestazioni eccellenti, la garanzia di avere il sito praticamente sempre online e un servizio di assistenza di prim’ordine già a partire dal loro piano più economico che è proposto ad un prezzo davvero allettante.

Schermata principale del sito ufficiale di Bluehost

Infatti si può partire da un prezzo di 2,42€ mensili (+ IVA, piano triennale), in cui è inclusa la registrazione di un dominio gratuito (l’estensione .it non è disponibile gratuitamente), banda illimitata, account email e certificato SSL (Let’s Encrypt), fondamentale al giorno d’oggi.

Cosa offre Bluehost

Si può scegliere tra quattro piani condivisi tutti allocati du unità SSD, 3 piani VPS (virtual private server) e i server dedicati. Inoltre c’è l’hosting specifico per WordPress con i prezzi che rispecchiano quelli condivisi, quello WordPress professionale e quello per creare negozi online con WooCommerce, dove è incluso l’indirizzo IP dedicato. Si possono acquistare nomi di dominio nella sezione dedicata, quelli .it non sono disponibili. Offre inoltre il servizio Blue Flash, un’assistenza gratuita per installare, configurare e creare con WordPress con un team dedicato di esperti.

Caratteristiche principali di sicurezza di Bluehost

Come si evince dalla schermata presa dal sito ufficiale, WordPress sarà ottimizzato e installato con un click. Il supporto è disponibile atraverso guide, tutorial, domade frequenti e l’assistenza presente 24 ore al giorno. Se non si dovesse rimanere soddisfatti, è garantito il rimborso fino a 30 giorni dalla sottoscrizione. Inoltre i certificati SSL sono inclusi gratis. Credit: Bluehost

Per approfondire vai sul sito ufficiale di Bluehost

Clicca qua >>

Caratteristiche salienti in dettaglio

  • Affidabilità: anche l’hosting condiviso, che è quello più economico, ha tempi di uptime molto soddisfacenti su Bluehost. La percentuale di tempo in cui il sito è raggiungibile va oltre il 99,9%, limite che è considerato lo standard per questo tipo di servizio. 
  • Velocità: E’ un dato di fatto, i siti ospitati su questo host sono veloci. La velocità e l’uptime sono due elementi critici per il successo dei propri siti. I siti lenti e spesso irraggiungibili oltre ad essere penalizzati da un punto di vista SEO rendono l’esperienza del visitatore frustrante, quindi trasmettono un’impressione negativa del proprio lavoro difficile da cancellare. Ma con Bluehost si possono dormire sonni tranquilli.
  • Data Center: La sede e i data center principali della compagnia sono situati nello Utah, le altre sedi non vengono dichiarate apertamente sul sito ufficiale. Di sicuro ha varie sedi dislocate sul globo che probabilmente condivide con altri provider facenti capo alla Endurance International Group (EIG), di cui fa parte.
  • Probabilmente ciò che fa la differenza e rende questo host uno dei maggiori in assoluto con oltre due milioni di siti web ospitati è la capacità di essere economico ma con infrastrutture all’avanguardia e in continuo aggiornamento, di essere di facile utilizzo per gli inesperti ma con una ricchezza di funzioni molto apprezzate agli esperti.

Hosting condiviso

Gran parte della popolarità di Bluehost è dovuta alla competitività e l’affidabilità dei suoi piani condivisi, che senza nulla togliere alla qualità del servizio, sono davvero competitivi solo se si fanno sottoscrizioni a lungo termine. Infatti i tanto sbandierati 2,75 dollari al mese per il piano Basic (durata triennale) diventano 3,95 per due anni e 4,95 se ci si vuole abbonare per un anno. Gli altri piani partono da 5,45 dollari per il pacchetto Plus e 13,95 per quello Pro.

Solo il piano Basic ha limitazioni di spazio (50 GB) e di siti installabili (uno). Gli altri non hanno limiti ne di spazio, di traffico e di siti installabili. Sono disponibili WordPress e il builder visuale Weebly gratuitamente. Vi sono inoltre i certificati SSL gratuiti, il CDN Cloudfare per aumentare le prestazioni del sito, e il dominio gratuito per il primo anno (il suffisso .it non è disponibile).
Visualizza in dettaglio i piani condivisi su Bluehost.com

Hosting WordPress

Fondamentalmente è lo stesso servizio dell’hosting condiviso. Ci tengono a sottolineare che sono raccomandati da WordPress.org dal 2005. Interessante la possibilità di usare un ambiente di staging per poter testare le modifiche al sito prima della pubblicazione vera e propria. E’ un servizio gestito, quindi l’installazione del CMS è semplicissima e gli aggiornamenti vengono installati in automatico.

VPS

Anche con l’hosting VPS (Virtual Private Server) questa comagnia ofre un rapporto qualità/pezzo estremamente interessante. Questo servizio mette a disposizione un ambiente, anche se fisicamente condiviso, con risorse RAM e CPU dedicate grazie alla virtualizzazione. Quindi lo spazio su disco (o meglio unità SSD in questo caso), la memoria e la potenza di calcolo a disposizione sono sempre quelle previste dal piano, indifferentemente dall’utilizzo di risorse degli altri occupanti del server.

I prezzi partono dai circa 17 euro al cambio attuale, piano Standard con 2 cores CPU a disposizione, 30GB di spazio. 2 GB di RAM e un Tera di banda, più un indirizzo IP dedicato. Si arriva a 4 core, 120 GB si spazio, 8 GB di Ram, 3 TB di banda e 2 indirizzi IP con il piano Ultimate a poco più di 54 euro. 

 

Giudizio complessivo su Bluehost

Questo web host è uno dei leader mondiali, ed è in grado di fornire affidabilità, prestazioni e supporto al top. Offre prezzi competitivi ma nei piani entry level alcuni servizi fondamentali come il backup sono a pagamento. Neanche il servizio di migrazione da altro host è gratuita e costa un bel po (149 dollari). Essendo un servizio rivolto principalmente al mercato americano, è in inglese e questo significa che il suo utilizzo, compreso il supporto saranno agevoli solo se si ha dimestichezza con questa lingua. 

Se per voi conta l’affidabilità e le prestazioni prima di tutto, e la lingua inglese non è un problema allora Bluehost sarà la scelta più azzeccata. 

Per approfondire vai sul sito ufficiale di Bluehost

Clicca qua >>