Alla Elegant Themes, che ha inventato e sviluppa, tra l’altro il pluripremiato tema per WordPress Divi, non stanno certo a dormire sugli allori. Da pochissimi giorni infatti, il sito è stato completamente rinnovato con un’interfaccia più intuitiva che presenta meglio i prodotti e cosa li distingue dalla concorrenza. L’occasione è stata un imponente aggiornamento del loro fiore all’occhiello: Divi.
Banner dal sito ufficiale che annuncia un importante aggiornamento per Divi

Dal sito ufficiale di Elegant Themes, l’annuncio di un imponente aggiornamento dell’interfaccia e della funzioni di Divi.

Per chi non conoscesse Divi, è arduo descrivere in poche parole di cosa si tratti visto le sue peculiarità, diciamo che in sintesi si tratta di un tema per wordpress (il più potente e famoso), nonche di uncostruttore di pagine e elementi del template di questo CMS. Questo aggiornamento è stato chiamato Options Harmony version 2, che riesce a restituire all’utilizzatore un’esperienza durante la creazione dei siti ancora più appagante e armonizzata tra i vari moduli, grazie anche al fatto che i parametri impostabili sono gli stessi e più completi per un dato elemento, e non variano a seconda del tipo di elemento che si sta settando. Finestre dei settaggi dei moduli in Divi   Qui sopra sono riportate le finestre per regolare i parametri di alcuni degli elementi, detti moduli, che si possono inserire nelle pagine (ce ne sono oltre 40). Ci sono i moduli di testo, gli sliders, le call to action, le gallerie, i moduli di contatto,  i commenti e le immagini, solo per citarne alcuni, e in precedenza ognuno aveva determinati parametri che si potevano settare. Quindi era frustrante non avere a disposizione le stesse opzioni passando da un elemento all’altro, e per ovviare si doveva ricorrere a tecniche avanzate e intervenire sul codice. Per fortuna adesso  le opzioni sono state armonizzate.

Questo vale soprattutto per il testo. Prima infatti, tutte le impostazioni per la formattazione del testo erano disponibili sono nel modulo di testo, adesso invece tutto il ventaglio di impostazioni dei vari elementi  come i titoli, i link, gli elenchi, i blockquote ecc. sono disponibili in tutti i moduli, e per l’occasione le possibilità di regolazione sono state anche potenziate.

In aggiunta, adesso tutti i moduli che prevedono elementi come pulsanti e campi per l’inserimento del testo adesso prevedono la possibilità di regolazione dei margini e il padding degli elementi incorporati.

Buone notizie anche per quanto riguarda la regolazione gli elementi incorporati in altri elementi, come le singole tabelle inserite nel modulo tabella. Grazie all’armonizzazione adesso i settaggi presenti nel modulo genitore sono disponibili per gli elementi singoli, ampliando notevolmente le possibilità di design.

Un’altra chicca: Adesso si possono regolare tutti gli elementi grafici per ciascun tipo di dispositivo su cui verranno visualizzati, e non solo alcuni come avveniva fino ad ora. Quindi tutto il sito può essere ottimizzato in maniera ancora più precisa, anche grazie all’interfaccia grafica che restituisce l’anteprima in tempo reale permettendo di fare lo switch la la visualizzazione desktop, tablet e smartphone, oltre a quella Wireframe che è molto utile per controllare la struttura delle pagine e riposizionare le sezioni, le righe e i moduli.

Anche l’aiuto in linea è stato migliorato, ed ora l’icona del punto interrogativo cliccabile per ricevere maggiori informazioni appare su tutte le opzioni, e da informazioni più approfondite.

 

Divi: Una realtà globale

 Ovviamente un prodotto così popolare e apprezzato è disponibile in più lingue, 32 per la precisione compreso l’italiano. E l’interfaccia viene tradotta automaticamente e riflette quella impostata in WordPress come lingua predefinita. Da adesso quando è necessaria una nuova stringa di traduzione in seguito ad aggiornamenti, questa viene creata in automatico grazie a Google Translate.

Un altro elemento che potenzia e automatizza l’insieme delle funzioni è la presenza dei tre puntini in verticale, molto comuni oggigiorno, che permettono di accedere ad un menù supplementare, variabile secondo il contesto. Funzioni come la copia degli stili, il trova e sostituisci, e copia lo sfondo saranno sempre a portata di mano.